lunedì 16 maggio 2011

Una sorpresa in libreria


Sabato scorso ho avuto modo di passare un bel po' di tempo in una grande libreria di Roma, adoro sempre questi pomeriggi così "culturali", mi ricordano i tempi della scuola e quindi della mia gioventù.
Come al solito c'erano un gran numero di nuove uscite e tra queste ho trovato un' amabile sorpresa il nuovissimo libro di Carlos Ruiz Zafòn:"Le luci di Settembre".
Che meraviglia! Amo tantissimo questo autore che con i suoi scritti ha saputo regalarmi sempre tante emozioni; l'ho conosciuto circa cinque anni fa quando vivevo un periodo difficile della mia vita e avevo bisogno di leggere per fare voli pindarici su altri pianeti, lui mi ha aiutato e da allora è sicuramente diventato il mio autore preferito. Per chi non lo conoscesse posso descrivere i suoi libri come tante scatole preziose che raccolgono emozioni, misteri e tante vite travolte dalla solitudine e da un destino avverso, proprio come succede nella realtà degli esseri umani. Ma alla fine si intravede sempre una luce che ti permette di andare avanti senza dimenticare il tuo passato.
Ma la sorpresa più gradita è stata sicuramente la copertina del libro......




Non so quando sia cominciato questo mio grande amore per i fari so solo che con la loro aurea misteriosa rappresentano per me qualcosa che mi lega al passato...anche se non so ancora di quale passato si tratti.
Questa estate ho avuto la possibilità di visitare il grande faro di Capotesta nella costa settentrionale della Sardegna e dire che è stata una delle emozioni più intense della mia vita forse è superfluo.


Con l'occasione ho recuperato un vecchio lavoro che era in fondo ad un'armadio: l'ho ricamato su tela di lino rosa e incorniciato in una piccola cornice shabbata (da quanti anni questo stile era già in me?)

Posta un commento